Esiste una terapia per il Coronavirus? - GM academy
800962007 info@gmacademy.eu  

Esiste una terapia per il Coronavirus? Le risposte del Dott. Torchio

La fatidica domanda che tutti si pongono oggi è: esiste una terapia per il Coronavirus? La risposta, secondo quanto dichiarato dal Dott. Torchio – medico chirurgo, specializzato in medicina dello sport, omeopata e studioso di medicina naturale – è che ˂˂ non esiste un bacchetta magica, bensì solo un cocktail di farmaci che devono essere somministrati con grande attenzione ˃˃.

In particolare, stando alle sue parole, occorre mantenere alta la guardia soprattutto nella terza fase della malattia, ovvero  quella della grande infiammazione, durante la quale si va incontro alla polmonite interstiziale e all’ insufficienza respiratoria, al fine di ˂˂ evitare il tracollo ˃˃.

 

I nuovi farmaci provenienti dalla Cina

Nuovi farmaci provenienti dalla Cina sarebbero in via di sperimentazione, con l’obiettivo di arrivare al consolidamento di una terapia. In ogni caso, spiega il Dott. Torchio, i protocolli attuali, basati sulla somministrazione di un antinfiammatorio che riduce l’infiammazione nella fase terziaria della malattia, sarebbero già validi.

Tuttavia, occorre fare attenzione agli effetti collaterali dell’ idrossiclorochina, che ormai è facilmente reperibile anche online: a tal proposito, lo specialista raccomanda di escludere nella maniera più assoluta il “fai da te” in una cura che dev’ essere gestita esclusivamente da medici.

E il vaccino quando arriverà?

E per quanto riguarda il vaccino? ˂˂ Di norma, per trovarne uno, occorrerebbe almeno  un anno/un anno e mezzo – spiega il medico – ma a fronte degli elevati profitti che questo potrebbe procurare alle case farmaceutiche e a coloro che lavorano sui dispositivi, tutti si sono dati un gran da fare; quindi ci sono già due vaccini in sperimentazione, uno in Svizzera e uno in Germania e possiamo sperare che arrivi presto ˃˃.

Forse però, potremmo addirittura augurarci che il virus vada incontro a una degradazione naturale. Sostenendo, infatti, la teoria di Luc Montagnier, premio Nobel per la Medicina e scopritore dell’AIDS, Torchio esprime l’ipotesi che il Coronavirus possa derivare da una manipolazione umana genetica e, se così fosse, avrebbe vita meno lunga di quelli che si generano in natura e potremmo aspettarci un miglioramento già in autunno.

Guarda il video del Dott. Torchio per saperne di più.

Leggi le altre News

 

Condividi: